Who we are

Busselli Scherer Architekten è immaginazione, curiosità e ricerca. Immaginiamo un mondo di relazioni dove l’architettura è in dialogo con le persone, le città, la natura. Progettiamo spazi nuovi in equilibrio con l’ambiente che ci circonda. Sperimentiamo per trovare soluzioni innovative e sorprendenti. Il nostro studio si trova in un affascinante edificio dei primi del ‘900. Uno spazio vivo e sinergico, nel centro storico di Bolzano, al numero 17 di Via Leonardo da Vinci. Considerati invitat*.

People

Roberto Busselli / Direzione tecnica e creativa
Michael Scherer / Direzione artistica e sviluppo concettuale

Mattia Arcaro / Sviluppo tecnico e direzione lavori

Ulrike Gasser / Amministrazione e progetto

Ilario Occhipinti / BIM manager e progettazione stilistica

Alessandro Folesani / Intern progettazione e ricerca

Serena Bianchi / Comunicazione e pubbliche relazioni

 

Walter Pardeller e Josef Putzer / Filosofia e concetto

Methodology

Methodology

Dialogo

 

Le esigenze di chi vivrà quel luogo, l’evoluzione dei tempi, i desideri che ogni progetto porta con sé sono aspetti essenziali, da comprendere. Siamo al centro di un dialogo continuo dove la nostra visione di architettura incontra il mondo. Da questo incontro nascono i nostri progetti.

 

Sperimentazione

 

In questo processo la sperimentazione ha un ruolo importante. Ci permette di entrare in contatto diretto con materiali, colori e sensazioni diverse. Sono tanti i modelli concettuali realizzati nel nostro studio. Modelli con cui interagire per ottenere una preziosa visione d’insieme.

 

Progettazione 3D

 

È il completamento innovativo della nostra filosofia creativa. Grazie alla specializzazione BIM ogni cliente ha a disposizione una finestra privilegiata sulla realtà e sul futuro del progetto.

Studio atmosphere

L’atmosfera che si respira è familiare e sinergica. Nella grande sala centrale ci troviamo per riunioni, brainstorming e occasioni da condividere. La nostra filosofia di lavoro ci porta a sviluppare relazioni orizzontali, basate sulla fiducia e sullo scambio continuo di visioni e di idee. Consideriamo le collaborazioni una risorsa preziosa ed è in quest’ottica che il nostro studio si struttura come uno spazio di coworking aperto alle influenze e agli stimoli esterni. In più abbiamo il privilegio di lavorare in centro a Bolzano e per la pausa caffè ci basta scendere le scale per ritrovarci in un bar stile viennese o sotto i ciliegi in fiore di una piazza universitaria.

 

Nature as inspiration

Abitiamo un luogo dove la natura disegna gli orizzonti e il cielo segue le linee delle montagne. Uno spettacolo che ci ricorda l’importanza di un legame antico, quello con l’ambiente. La nostra architettura si ispira a questo legame che nasce dalle forme complesse e perfette di uno dei patrimoni naturali più belli al mondo: le Dolomiti.

Roots

Crediamo nella progettazione capace di unire, nell’interconnessione di storia e futuro. Sono tante le opere realizzate in Alto Adige che portano la firma Pardeller Putzer Scherer Architekten. Le nostre radici si fondano negli anni ’80 con Walter Pardeller e Josef Putzer. La propensione verso i grandi appalti pubblici nasce in quegli anni e cresce nel tempo. L’arrivo di Michael Scherer diversifica le competenze aggiungendo un ulteriore tassello alla storia. Nel 2003 lo studio vince il Premio Oderzo con il progetto “Colonia della gioventù cattolica” a San Lugano e nel 2016 l’onorificenza per il premio architetture in acciaio Preis des Deutschen Stahlbaues con il progetto “Faustball” a Bolzano.

 

Hanno collaborato

Stefano Nicolussi, Filippo Paparella, Christian Mak, Florian Scartezzini, Birgit Bachmann, Carlo Colombo, Christine Wieser, Sven Hirschfeld, Kathrin Hofer, Hrvoje-Danijel Schneider, Kathrin Wilhelm, Paola Pastore, Hendrik Liebik, Stephanie Sülzen, Andreas Lengfeld, Daniel Beck, Mario Sbordone, Stefan Trossen, Stefano Cunico, Andrea Daldos, Ralph Hoffmann, Karin Thaler, Claudia Ties, Siegried Kofler, Othmar Neulichedl, Marco Spada, Paula Marinelli